Cosa si festeggia il 2 giugno in italia? | ELLCI

Cosa si festeggia il 2 giugno in Italia? 

ELLCI_cosa si festeggia il 2 giugno in italia frecce tricolori

Cosa si festeggia il 2 giugno in Italia? 

Il 2 giugno in Italia si celebra la festa della Repubblica italiana in ricordo del referendum con cui gli nel 1946 gli italiani scelsero la forma di governo dell’Italia dopo la fine della seconda guerra mondiale. Vinse la Repubblica mettendo fine alla Monarchia. 

Il referendum mise fine alla dinastia dei Savoia che si concluse legalmente dopo 85 anni di regno, di cui 20 di dittatura fascista (terminata durante la Seconda Guerra Mondiale). 

Il voto segnò un’Italia divisa a metà: 12.718.641 italiani avevano votato per la repubblica, 10.718.502 a favore della monarchia. La preferenza per la Repubblica era maggiore in tutti centri urbani principali, tranne a Roma, Napoli e Palermo dove prevalsero le preferenze monarchiche. La repubblica ottenne il risultato più ampio a Trento, dove conquistò l’85 per cento dei consensi.

La Festa della Repubblica in Italia

La festa del 2 giugno è stata istituita nel 1948. Dal 1977, a causa della crisi economica, quindi per non perdere un giorno lavorativo, fu resa una “festa mobile”, che ricorreva la prima domenica di giugno. La data del 2 giugno fu ristabilita nel 2000 su iniziativa del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, insieme alle celebrazioni ufficiali.

Secondo il cerimoniale ufficiale della Festa della Repubblica,  il Presidente della Repubblica ogni anno depone una corona d’alloro in omaggio al Milite Ignoto, all’Altare della Patria in piazza Venezia a Roma.
Lungo i Fori Imperiali a Roma si svolge poi la parata delle forze armate. alla presenza delle più alte cariche dello Stato.

Uno dei momenti più suggestivi della parata è quello dell’esibizione delle Frecce Tricolori: la Pattuglia Acrobatica Nazionale (PAN)

In occasione delle celebrazioni per il 74° anniversario della proclamazione della Repubblica, le frecce tricoli quest’anno hanno dedicato una serie di sorvoli, che ha coinvolto le regioni italiane, abbracciando simbolicamente con i fumi tricolori tutta la Nazione, in segno di unità, solidarietà e di ripresa.

Quest’anno l’emergenza sanitaria causata dall’epidemia di COVID-19 ha forzatamente modificato il cerimoniale ufficiale, per cui non si svolgerà la conseuta parata pomeridiana. Il presidente della Repubblica si recherà invece Lombardia per far visita alla comunità di Codogno, il paese del Lodigiano che per primo è stato colpito dal contagio.

Conosci l’inno nazionale italiano? Ascoltalo con il testo 

 

Hai sempre voluto imparare la lingua italiana, ma non sai da dove iniziare? Prova i nostri corsi di italiano online, a partire da due settimane. Raggiungi un livello in 6 settimane!